domenica 3 settembre 2017

Il Mercatino Stereo Hi-Fi di Tony Graffio



Il vintage è una passione totalizzante che coinvolge sempre più appassionati. Per riassaporare le atmosfere del passato ricerchiamo tra i ricordi, le immagini, i gusti e i suoni di epoche lontane, ma per altri, ciò che è vecchio è in qualche modo nuovo e suscita emozioni diverse da quello che fa parte della quotidianità.
E' vero che la tecnologia negli ultimi 40 anni ha fatto passi da gigante un po' in tutti i campi; le automobili di oggi per certi versi sono molto migliori a quelle del passato, così come gli strumenti per la ripresa cinematografica e fotografica, ma nel mondo dell'ascolto musicale e dell'alta fedeltà è davvero così? Prodotti con molti lustri alle spalle e consistenti strati di polvere sulla loro superfici possono ancora ad essere utilizzati con molta soddisfazione da parte del fruitore di musica che magari, semplicemente facendo sostituire qualche condensatore o qualche transistor, riesce ancora a godere del piacere dispensato da questi apparati appena usciti dalla fabbrica, sita allora in Nord America, Giappone o Europa. Un tempo, ogni marca tendeva a distinguere il proprio prodotto conferendogli un gusto ed un sound personale di cui andava fiera, mentre nell'epoca della globalizzazione diffusa stiamo assistendo, a mio parere, al tentativo di imporre, in parte di assecondare, un mercato totale al quale nessuno può più sottrarsi. Per questo, ritengo che tra le persone un po' critiche e attente ai risultati, più che alle mode, ci sia il ritorno ad una raffinatezza, forse  un po' élitaria, che sappia ricercare il prodotto ed i risultati che si avvicinano di più al nostro gusto personale, evocando ricordi e sonorità che sappiano darci le sensazioni giuste per noi.
Ovviamente, il discorso qui rischia di farsi un po' lungo e anche un po' complesso; mi riprometto tuttavia di tornare su questo argomento, con la consapevolezza di chi si sta proponendo di parlare di qualità psico-acustiche, di preferenze personali e di tutto quello che l'umana mente può elaborare nell'ambito delle esperienze individuali.
Un altro aspetto importante da considerare è che i costi del nuovo, per un prodotto capace di eguagliare oggi certi risultati sonori dei prodotti vintage, sarebbero del tutto improponibili e inavvicinabili.

Dopo aver proposto una pagina per il mercatino delle mie fotocamere, cineprese, accessori e altri oggetti che ho preso come pretesto per innescare uno spunto di riflessione, ho pensato che fosse giunto il momento di esporre in vetrina anche alcuni strumenti evocativi che ci aiutano a sognare e a trovare l'ispirazione per nuove idee.
Eccovi qui di seguito alcuni componenti Hi-Fi che ho provato personalmente per il mio piacere personale e che propongo alla vendita o allo scambio, in modo da poter proseguire la mia esperienza per la conoscenza e la ricerca della qualità e della delizia dell'ascolto musicale.

Radio Sintonizzatore Stereo Akai AT-301 L
E' un prodotto della fine degli anni '80 che funziona molto bene, ha 8 tasti che permettono di salvare 16 canali radiofonici in 16 memorie. Il modo d'uso non è intuitivo; personalmente preferisco ricercare i canali alla vecchia maniera per mezzo di una manopola, piuttosto che richiamarli premendo un pulsante. Probabilmente, questo è il motivo che mi spinge a separami da un oggetto che può essere trasportato con facilità (pesa poco) ed è molto robusto. Comodo il display digitale. 
-Sistema: Quartz PPL Digital Tuning
-Gamme d'onda: FM - AM 
-16 Stazioni memorizzabili in FM - AM 
-Frequenza scala radio FM: 87,5 Mhz - 108 Mhz 
-Frequenza scala radio AM: 0,55 Mhz - 1,6 Mhz 
-Tasto selezione "Mode" (FM Auto - Mono)
-Tasto selezione "Band" (FM/AM) 
-Tasti selezione "Tuning" (Up / Down)
-Tasto selezione "Memory" 
-Tasto selezione "FM Mode" (Stereo / Mono)
-Tasto selezione  Preset "Scan" 
-Tasti selezione Frequenza 1/8-9/16
-Scorrimento frequenze digitale su display a di led colore azzurro
-Ingresso antenna FM 75 ohm, AM - GND
-Uscita analogica RCA
-Alimentazione a corrente alternata (CA) / 220 - 240 Volt 
Made in France
Prezzo: 30 euro.


 Quartz Synthesizer Tuner AKAI AT-301 L
Quartz Synthesizer Tuner AKAI AT-301 L

Akai AT-301 L

Akai AT-301 L


Giradischi Lenco B55
E' stato costruito nel 1974, ha il telaio flottante ed ha la possibilità di suonare tutti i dischi, dai rari 16 giri, ai 33 ai 45, ai 78 giri. Probabilmente, questo, oltre al mobile di legno e l'aspetto agé, oltre che la particolare trazione a puleggia verticale, possono essere i motivi che inducono all'acquisto di questo storico strumento per la riproduzione sonora. Più che venderlo, potrei prendere in considerazione il cambio o la permuta con qualcosa che produca un suono un po' più raffinato.

Giradischi Lenco B55

Lenco of Switzerland B55

Testina Empire

Il mio Lenco B55 a trazione a puleggia è stato costruito nell'aprile del 1974

Amplificatore integrato NAD 3020
Se non lo conoscete, vi consiglio di leggere la recensione di TNT-audio. Revisionato di recente. Lo vendo perché ne ho un altro. Euro 170.


Vendo NAD 3020
Amplificatore integrato NAD 3020

New Acoustic Dimension

Giradischi Rega P1
Semplice e robusto, ha un suono abbastanza appuntito, monta una testina Rega.
Lo vendo con imballo a 300 euro.

Giradischi Rega P1

RP1 con testina Rega

Sintoamplificatore Sansui 6060
Semplicemente stupendo. Vendo o permuto con sintoamplificatore quadrifonico Sansui QRX-7001.

Sintoamplificatore Sansui 6060
Sansui Stereo Receiver 6060

Due prese per l'alimentazione a cascata di altri apparecchi da collegare all'amplificatore

Radio Ricevitore Stereo Technics St 804 K
Non se ne vedono tanti in giro. Funziona benissimo. Vendo a 60 euro.


FM/AM Stereo Tuner Technics ST 804 K

Il retro del Technics ST 804 K

Sintoamplificatore Telefunken TR500
Semplicemente meraviglioso. Non in vendita.

Stereo FM/AM Receiver Telefunken TR 500 Hi Fi

Connessioni RCA e DIN per il Sintoamplificatore Telefunken TR 500


Se Vi interessa quello che ho esposto in questa pagina, potete contattarmi a: graffiti.a.milano@gmail.com oppure telefonarmi. TG

Nessun commento:

Posta un commento